Last modified on 28 July 2014, at 08:43

Development Cooperation Handbook/Other books

IstitutionsEdit

  • European Union "Development Aid in times of economic turmoil" .Beginning in Autumn 2008, the world experienced the most important financial and economic downturn since the 1930s. The impacts of the crisis intensified in 2009:as the unemployment rate rose in parallel with fiscal constraints, putting more and more pressure on aid budgets for developing countries. Experiencing large falls in GDP, the three Baltic States and Ireland were among those countries most affected1. Against this backdrop, the Directorate-General for Development launched a Eurobarometer study to gauge public support for development aid in times of economic turmoil http://ec.europa.eu/public_opinion/archives/ebs/ebs_318_en.pdf
  • ECHO, Manual for the evaluation of humanitarian aid, 1999
  • Alto Commissariato delle Nazioni Unite, Manuale per le Emergenze, Edizione italiana, giugno 2001

EconomyEdit

  • Stefano Bartolini  "Manifesto per la felicità- Come passare dalla società del ben - avere a quella del ben - essere", 2010, Ed. Saggine. Manifest for Happiness, How to change from a society of material-well being to a society of social -well being. It's a new concept of Development - free from the consumistic phenomenon - which implies a structural modification of values, perceivable through a radical change of politics, education, job organization, role of mass-media, urban organization. Italy.png Italian language http://www.donzelli.it/libro/2153/manifesto-per-la-felicita
  • Raj Patel 'Il valore delle cose', ed. Feltrinelli, pp. 236
    A provocare la recessione non è stata una lacuna di conoscenze in campo economico, bensì l'eccesso di un particolare tipo di sapere, un'indigestione di spirito del capitalismo. Accecati dai bagliori del libero mercato abbiamo dimenticato che vi sono altri modi di concepire il mondo. È quanto pensa Raj Patel, affermato economista, studioso in particolare delle politiche alimentari che dopo I padroni del cibo, pubblicato sempre da Feltrinelli nel 2008, analizza gli effetti dei recenti crolli finanziari, soffermandosi sulle illusioni del capitalismo.www.youtube.com/watch

NGO'sEdit

  • VIS - CESPI, "Sistemi di cooperazione a confronto" : spunti dall'Europa, 2006
  • Movimondo,"Teorie dello sviluppo e nuove forme di cooperazione", 1997
  • Solint, "Cambiare insieme", Partnership e cooperazione internazionale, Città aperta, 2005
  • Solint,, "Manuale operativo su Diritti Umani e assistenza umanitaria" Intersos , 2002

PeoplesEdit

  • Ianni, Vanna, "La cooperazione decentrata allo sviluppo umano",Rosenberg & Sellier, 1999
  • Cereghino Mario, 'Nardelli Michele, "Darsi il tempo". idee e pratiche per un'altra cooperazione internazionale, Editore EMI, 2008
  • Marianella Sclavi, "Arte di ascoltare e mondi possibili" - come si esce dalle cornici di cui siamo parte, Il sottotitolo: suggerisce in maniera adeguata che l’obiettivo dell’autrice è quello di suggerirci un metodo per affrontare creativamente i conflitti cercando e costruendo “mondi possibili”, imparando a uscire dalle cornici di cui siamo parte, cioè da quei modi di vedere, sentire, pensare, interpretare la realtà che ci guidano ogni giorno. Non che questi siano sbagliati in sé. In situazioni normali sono efficaci e ci aiutano a risparmiare tempo ed energia mentale.books.google.it/books Bruno Mondadori 2003
  • Ianni, Vanna, "Verso una nuova visione dell'aiuto", ANCI, 2004 [1]
  • Zupi Marco, "La globalizzazione indebita" - Sviluppo economico e debito estero in Africa, VIS SEI, 2007
  • Cristaldi Luca (a cura) "Lavorare nella cooperazione Internazionale", VIS SEI, 2004
  • Melegari Enzo, "La solidarietà al bivio", Il segno dei Gabrielli Editore, 1996
  • Belluscio Marisa & Noury Riccardo (a cura) "Il nuovo disordine mondiale", Formin, 2002
  • Smillie Ian e Helmich Henni "Organizzazioni non governative e governi: un tandem per lo sviluppo", ASAL, 1995
  • Hettne Bjorn, "Le teorie dello sviluppo", ASAL, 1986
  • Secci Roberto, "A scuola di sviluppo", Ucodep, Rosenberg & Sellier, 2001
  • Chossudovsky Michel, "La globalizzazione della povertà", Edizioni Gruppo Abele, 1998
  • Ambrosini Maurizio, "Scelte solidali", L'impegno per gli altri in tempi di soggettivismo, il Mulino, 2005
  • Verhelst Thierry, "Sud - Nord Il diritto alla differenza", Edizioni Gruppo Abele, 1989
  • Cereghino Mario, Darsi il tempo. Idee e pratiche per un'altra cooperazione internazionale, EMI, 2008
  • Raimondi Antonio, Antonelli Gianluca, Manuale di cooperazione allo sviluppo, SEI Ed. 2001
  • Pochettino Silvia, Berruti Alessandro, Dizionario del cittadino del mondo, EMI, 2003
  • Pettenella Davide e Pisani Elena, La valutazione dei progetti nella Cooperazione allo sviluppo, Cleup, 2006

Online manualsEdit

  • Building Bridges Between Local Governments and Citizens to work more effectively together through: (1) Managing Conflicts and Differences (2) Participatory Planning. Fred Fisher wrote these manuals in collaboration with David Tees from Texas University, Kinga Goncz and Dusan Ondrusek from the Partners Centres network. They have been developed under a program initiated by FPDL and financed by LGI and UN Habitat. Each volume is structured in Part I Concepts and Part II Training Toolkit, focusing on the two main fields of knowledge and skills necessary to help local governments and citizens resolve/ lower the level of conflicts or prevent them. They can be downloaded here: http://www.fpdl.ro/publications.php?do=training_manuals&id=9
  • Advocacy and influencing public policy. This Manual was developed by Nicole Rata for the RCSS (Romanian Civil Society Strenghtening) Program funded by USAID and managed by World Learning for International Development. The manual can be downloaded here: http://www.fpdl.ro/publications.php?do=training_manuals&id=23